28/07/2016

MARISA FONTANA

ANTICHI VITIGNI EMILIANI

Ricercatrice di antichi vitigni emiliani.
347.9561023 – marisa47@alice.it

 
Marisa Fontana è una ricercatrice, appassionata, enologa ed esperta di vigneti e vini locali. Originaria della Romagna, dedica la sua vita al recupero di vitigni di antica tradizione locale sia da un punto di vista agronomico che enologico, fornendo suggerimenti ad agricoltori e cantine per la coltivazione delle uve e la loro trasformazione in vini speciali e davvero unici.
Con il suo aiuto, insieme alla Provincia di Parma, si sono potuti inserire vitigni quasi scomparsi all’interno del Registro Nazionale delle Varietà di Vite: la Malvasia Casalini e la Termarina bianca (Passeretta).
Il lavoro svolto in questi anni ha portato alla identificazione e caratterizzazione di queste uve tanto particolari quanto poco produttive, che proprio per questo erano state abbandonate. La Termarina (sia la tipologia a bacca rossa che quella bianca) è un’uva ad acini piccoli e senza semi, molto zuccherini e gustosi, tanto che nel passato erano apprezzatissime anche come uve da tavola e da appassimento. La Malvasia Casalini o Malvasia Odorosissima, era coltivata a Parma ancor prima della Malvasia di Candia Aromatica, visto che quest’ultima ne è figlia. Vitigno rinomato in passato per il suo profumo e aroma (da cui il nome Odorosissima), è stato soppiantato proprio perché poco produttivo.