26/10/2017

Rivalta, una piccola Toscana

Nell’area protetta di Rivalta di Lesignano de’ Bagni sono mature e pronte per il primo olio le olive degli olivi ottenuti per innesto e per talea da rami raccolti dalla pianta secolare che si trova sulle colline di Monchio di Mulazzano, un grande olivo “patriarca” della biodiversità ortofrutticola parmense. Non sappiamo con precisione a quando risalga questo maestoso esemplare, tuttavia si ritiene riconducibile al XIII secolo. Del 1258 è infatti un editto che imponeva l’impianto di olivi in diversi territori dell’Appennino parmense, tra cui Rivalta. Probabilmente in quell’epoca Rivalta doveva sembrare una piccola Toscana. Successivamente, a causa di cambiamenti climatici gli olivi sono scomparsi, ma ora, siccome gli inverni non sono più così freddi, l’olivicoltura potrebbe tornare anche sulle colline emiliane.