30/03/2016

ELENA SIFFREDI DURANTI

ERBE SELVATICHE

Raccoglie erbe, fiori e frutti selvatici che crescono soltanto all’interno del Parco regionale dei 100 Laghi.

328.4260435 – www.lagiustrela.it

E’ una paladina della natura, Elena Siffredi Duranti. La Giustrela è la sua creatura, nata nel 2008 nel piccolo comune montano di Monchio delle Corti (Parma), all’interno del Parco Regionale delle Valli del Cedra e del Parma (Parco dei 100 laghi) e confinante con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Giustrela significa lucertola, in dialetto. «Con la bella stagione e il sole, la lucertola esce a “giostrare” per le campagne, muovendosi velocemente come se cercasse sempre qualcosa. E così faccio io». Si descrive così, Elena, sul sito dell’azienda agricola. «Appena le condizioni climatiche lo consentono esco e inizio a girare per boschi, prati, pascoli alla ricerca di qualche frutto o erba selvatica commestibile da raccogliere, portare al laboratorio e trasformare in qualche prodotto. Raccolgo infatti e trasformo solo frutti, erbe e funghi che crescono allo stato spontaneo, senza l’intervento dell’uomo. La Natura produce, con i suoi tempi, ritmi ed equilibri, ed io semplicemente raccolgo, senza impormi su di essa. E’ questo l’aspetto che mi affascina di più del mio lavoro, che è soprattutto una passione e una scelta di vita, che mi consente di vivere nella Natura e della Natura».
La filosofia aziendale, qui, è molto semplice: raccogliendo frutti, fiori ed erbe che crescono allo stato selvatico, l’intento della Giustrela è «far conoscere e riflettere chiunque su quanto di buono, nel vero senso della parola, la Natura è in grado di donarci, se solo ce ne prendiamo cura».