29/07/2016

ANGELA FRATI

TACCHINO NERO PARMA E PIACENZA

angela_frati

Allevatrice custode del tacchino nero di Parma e Piacenza, antica razza risalente all’epoca ducale.
333.9515766
luciano3951@alice.it

Angela Frati, allevatrice custode, titolare di una piccola azienda agricola sulle prime colline di Fidenza racconta:<<Mi chiamano la salvatrice del tacchino di Parma e Piacenza. Quando più di venti anni fa ho acquistato il podere Monticello di circa 15 ettari, lo scopo fin dall’inizio era di fare sia agricoltura biologica, coltivando cereali e foraggio, sia un allevamento stagionale di avicoli allo stato brado, recuperando anche antiche razze che rischiavano di andare perdute, alimentandole con granaglie di mais, frumento, orzo e pisello proteico, prodotti nella mia azienda>>. Il tacchino di Parma e Piacenza è una razza antica introdotta nel nostro territorio secoli fa, probabilmente nel periodo della dominazione borbonica, con importazioni provenienti dalla Spagna. Era diffuso nel comprensorio del Ducato di Parma e Piacenza e assai ricercato, al di là dei confini locali, per la bellezza delle sue piume e per la bontà delle sue carni. Di taglia più grande rispetto ad altri tacchini locali, ha un piumaggio perlopiù grigiastro, con sfumature dal nero al grigio acciaio, fino al nero metallico, con bande più chiare avvicinandosi verso la coda. Questa razza (abbandonata dopo gli anni Settanta a favore di razze più pesanti), oggi è a forte rischio di estinzione: i pochi capi presenti si trovano per lo più solo nella provincia di Parma. Quello di Angela è un allevamento virtuoso, di qualità, che conta oggi una cinquantina di tacchini di razza più rustica, quasi selvatica. <<Bisogna rivalutare la carne di questo tacchino, che è molto diversa da quella che troviamo in commercio. È una carne da riscoprire: magra, altamente proteica e una delle più autorevoli alternative alle carni rosse>>.