11/08/2014

ANDREA ROSSI

VINO SANGIOVESE

andrea rossi_sangiovese

Ha rilevato l’azienda agricola del nonno. Coltiva e vinifica Sangiovese in purezza.
392.6439558
info@casanovadibricciano.com
www.casanovadibricciano.com

“La mia passione per le vigne e il vino – racconta il giovane Andrea Rossi – nasce fin da piccolo, quando andavo sul trattore con il nonno nell’orto, negli oliveti e nei vigneti”. Andrea ha ricevuto il testimone dal nonno Pietro e dallo zio Gino e dal 2012 conduce l’azienda agricola Casanova di Bricciano (Gaiole in Chianti – SI). Una conduzione familiare fin dalle origini quando, negli anni Cinquanta, i due fratelli Rossi acquistarono la tenuta che si trova ancora oggi sopra una tipica collina chiantigiana immersa nel verde, dove vigneti e olivi si alternano ai boschi di quercia. I due fratelli, accomunati dall’amore per il proprio territorio, con passione e impegno iniziarono a vendere le uve prodotte, ricavandone grande soddisfazione. Oggi il compito è di Andrea che ancora vende a terzi la maggior parte delle uve prodotte, ma che riserva per la cantina aziendale, nata con la nuova proprietà, piccole produzioni di elevata qualità, che non passano certo inosservate. Come il fiaschetto (0,75 l), il vino più giovane e fruttato, che contiene uve Sangiovese al 100%. “Questo fiaschetto – precisa Andrea – è un omaggio al nonno che in tavola voleva il suo fiasco da 1 litro e mezzo ‘perché in Toscana deve esserci il fiasco, la bottiglia è troppo moderna’, diceva lui.” Conclusi gli studi nel 2010 decide di non proseguire con l’università perché l’azienda aveva bisogno anche di lui arrivando in seguito a portare avanti l’avventura iniziata dal nonno e dallo zio molto tempo prima. Del 2013 è la prima vendemmia le cui bottiglie stanno uscendo ora sul mercato. Con lui lavorano i due fratelli – Fabio e Filippo – che oltre a proseguire con gli studi, danno una mano nei vigneti e in cantina. “Il babbo Marco, enologo -continua Andrea – ci dà una mano con la sua esperienza e i suoi consigli, soprattutto a fine settembre e quando è in ferie. Compito di mamma Gisella è sistemare i dettagli e occuparsi delle degustazioni.” Una storia semplice iniziata con Pietro e Gino e portata avanti con fierezza dalla famiglia Rossi, capitanata dal nipote Andrea, che continua nella tradizione prestando un’attenzione particolare anche all’ambiente, mantenendo quel naturale equilibrio tra agricoltura e natura.