12/10/2017

Matteo Nativo, Il Poderino Bio, Figline Valdarno, Firenze

nativo 300x300

Sabato 28 Ottobre
dalle 10.30 alle 12.30

Matteo Nativo con i pici di grani antichi

Pane e paste fresche da antiche varietà di grani come Inalettabile, Sieve e Andriolo.
+39 340.8742866
ilpoderinobio@gmail.com

C’è una giovane azienda agricola biologica toscana, a Figline Valdarno (FI), che si dedica alla produzione di grani antichi autoctoni come l’Inalettabile, il Sieve e l’Andriolo. Grani antichi dal valore inestimabile perché portano con sé colori, sapori e fragranze che testimoniano una biodiversità e cultura di quel determinato territorio, con quelle precise condizioni climatiche. Erano grani alti, adatti per giocarci a nascondino da bambini, dalle spighe piuttosto piccole, ben diversi da quelli utilizzati oggi più adatti alla raccolta meccanica. Recuperare le tradizioni e i saperi dei nostri avi, diventa così un modo per preservare il futuro dei nostri figli e dell’ambiente che ci circonda. “Il Poderino Bio” ha infatti come obiettivo la valorizzazione del territorio e la creazione di filiere virtuose ormai andate perdute. Tutto ciò è stato possibile dopo aver vinto qualche anno fa un bando per gestire 109 ettari di terreno, abbandonato da oltre venti anni, di cui 53 seminativi. “Ci dedichiamo alla produzione di grani antichi – spiega Matteo Nativo, titolare del Poderino – ma anche di cereali, farro e luppolo, seguendo un programma di ricerca e sperimentazione con l’Università di Firenze. E al fine di mantenere fertile il terreno con metodi rispettosi della natura intervalliamo le raccolte di grano a quelle di leguminose, semi di girasole per produzione di olio alto oleico di alta qualità spremuto a freddo, olio di semi di canapa e altre colture sperimentali”. L’idea è quella di produrre in proprio e far trasformare a produttori della zona, creando una filiera di prodotto cortissima che si accorcia ancora di più con la vendita diretta al Mercatale degli Agricoltori di Montevarchi. Dalla farina di grani antichi macinata a pietra si ottiene un ottimo pane, ma anche pasta fresca (come pici, pappardelle e tagliatelle) e pasta secca.